Cerca

19 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

23/03/2017 GRAN BRETAGNA - ISLAM

Attentato ‘islamico’ a Londra, arresti a Birmingham

La polizia: “E’ terrorismo di matrice islamica”. Cinque morti e 40 feriti nell’attentato avvenuto nei pressi della House of Parliament. Theresa May: “L’attentatore era un lupo solitario”. L’identità del terrorista non è stata ancora rivelata. Le indagini si concentrano su eventuali complici. Sette arresti nella notte.

Londra (AsiaNews) – Cinque persone sono morte e 40 sono rimaste ferite in un attentato terroristico nei pressi della House of Parliament, a Londra. Il vice commissario Mark Rowley, alto funzionario anti-terrorismo della polizia metropolitana, ha dichiarato che al momento attuale l'ipotesi investigativa è che l'attentatore sia stato "ispirato dal terrorismo internazionale" e dal "terrorismo di matrice islamica", ma non ha voluto fornire la sua nazionalità o altri dettagli.

Il Primo ministro inglese Theresa May afferma che si è trattato dell’azione di un “lupo solitario”. La Polizia dichiara di essere a conoscenza dell’identità dell’attentatore e che “sono in corso indagini su eventuali complici”. Durante la notte ci sono stati sette arresti in tutta l’Inghilterra, dalla capitale a Birmingham in seguito a una serie di blitz. È proprio sulla città del West Midlands che si concentrano gli sforzi investigativi alla ricerca di legami con l’attentatore.

La dinamica dell’attentato ricorda gli attacchi di Nizza e Berlino nel 2016. Allora i terroristi avevano usato dei camion per investire i passanti.

Alle ore 14.40 il terrorista ha percorso Westminster Bridge con la sua auto, nei pressi della House of Parliament, scagliandosi sulla folla e uccidendo almeno due pedoni. Molti altri sono rimasti feriti. In seguito l’auto si è schiantata contro le recinzioni della House of Parliament. Armato di un coltello, l’attentatore è corso in direzione del parlamento, dove è stato confrontato dalla polizia. Un agente, disarmato, è stato accoltellato e ucciso. Il terrorista è stato poi colpito a morte da poliziotti armati accorsi sul luogo.






Vedi anche

24/03/2017 09:56:00 VATICANO-GRAN BRETAGNA-ISLAM
Attentato di Londra: il dolore del papa; il dolore di un giovane musulmano

“Preghiera e solidarietà” di papa Francesco per le vittime uccise a Westminster. Un giovane musulmano chiede scusa ai famiiari delle vittime perché i terroriti usano la sua religione per compiere queste violenze. L’islam “è presa in ostaggio”. La polizia ha diramato il nome dell’attentatore ucciso: Khalid Massoud, 52 anni, nato in Gran Bretagna. Forse è di origini pakistane o afghane. Lo Stato islamica lo rivendica come “uno dei suoi soldati”.



23/03/2017 11:53:00 ASIA - ISLAM - GRAN BRETAGNA
La Chiesa indiana prega per le vittime dell’attacco a Londra. Il cordoglio dei leader mondiali

Il card Gracias esprime profondo dolore per un attentato che ha causato una “insensata perdita di vite umane”. E prega Dio perché conceda “pace, forza e consolazione”. Condoglianze e solidarietà dai leader internazionali. L’Iran chiede di fermare la vendita di armi ai “ gruppi terroristi”. Erdogan solidarizza con i britannici, ma lancia un nuovo attacco all’Europa.

 



16/02/2017 11:29:00 REGNO UNITO - ARABIA SAUDITA
Armi ai sauditi e vittime nello Yemen: Londra sotto processo

L’Alta corte di Giustizia ha aperto un procedimento a carico dell’esecutivo. Gli armamenti venduti a Riyadh avrebbero provocato vittime civili innocenti in Yemen. Cresce il numero dei parlamentari che chiede una revisione dei contratti. Il 62% dei britannici considera “inaccettabile” la vendita di armi ai sauditi. 

 



24/03/2017 11:47:00 EMIRATI
Nuovo servizio di Emirates contro Il bando dei dispositivi sui voli dal Medio Oriente

Stretta di Stati Uniti e Regno Unito sui dispositivi in cabina: ci potrebbero essere ordigni nascosti. Dubbi degli esperti sulla sua efficacia. Emirates ai suoi clienti: “lasciate che siamo noi a intrattenervi”.



25/06/2009 ARABIA SAUDITA
Nuovo visto per i pellegrini alla Mecca: impronte digitali e foto a viso scoperto
Il sistema di riconoscimento biometrico per migliorare la sicurezza, combattere il terrorismo ed eliminare le lunghe operazioni di dogana. Esso dovrebbe partire entro il 2010 e verrà applicato a turisti, lavoratori stranieri e pellegrini. Non è chiaro se la norma riguarda anche le donne.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®