Cerca

14 Dicembre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/11/2009 INDIA

Karnataka: indù si infiltrano tra i cristiani per accusarli di forzare alla conversione

Il fenomeno denunciato dall’ex parlamentare H T Sangliana. È un espediente per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica. Oltre 70 denunce di conversioni forzate non hanno mai trovato riscontro. Il Global Council of Indian Christians denuncia discriminazioni anche nella distribuzione degli aiuti agli alluvionati.

Bangalore (AsiaNews) - I fondamentalisti indù infiltrano loro membri nelle comunità cristiane per poi inscenare false accuse di conversioni forzate. Ad affermarlo è H T Sangliana, già parlamentare nel Lok Sabha e patron del Karnataka Missions Network.
 
Il politico cristiano, eletto nel 2004 tra le file del Bharatiya Janata Party ed oggi militante dell’Indian National Congress, afferma che questo espediente è ormai diffuso e viene usato dalle frange più radicali degli indù per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica.
 
Le accuse di conversioni forzate sono sempre più frequenti nel Karnataka. L’ultima, presentata da due studentesse ospiti del Bethel Boarding Hostel di Udyavara, si è risolta all’inizio di novembre con un nulla di fatto. Le ragazze affermavano di essere state costrette a leggere la Bibbia dalla rettrice dell’ostello e di aver visto i responsabili della struttura portare con regolarità una trentina di bambini nella chiesa di Ajjarkad con l’intento di convertirli. La polizia non ha trovato prove ed i 63 imputati nella vicenda sono stati sollevati da ogni accusa.
 
Sangliana, che tra l’altro è un ex ufficiale dell’Indian Police Service,afferma che presso gli uffici della polizia sono depositate 74 denunce di conversione per le quali gli agenti non hanno trovato alcun riscontro.
 
Al fenomeno delle false accuse di conversione si aggiungono le violenze e le discriminazioni verso i cristiani del Karanataka, che con 53 casi registrati dal 2008 ad oggi è lo Stato indiano più segnato da casi di estremismo indù, dopo l’Orissa.
 
È del 9 novembre l’ennesimo atto di vandalismo contro la chiesa di Sant’Antonio a Kavalbyrasandra, il secondo in un mese. Ignoti hanno fatto irruzione nel luogo di preghiera dissacrando il tabernacolo e rubando offerte e oggetti liturgici in sacrestia (nella foto).
 
Il mese scorso, sconosciuti hanno compiuto atti vandalici nella chiesa di Hebbagodi, nei sobborghi di Bangalore, danneggiando le statue di Gesù e Maria. Ma le violenze non si limitano ai luoghi di culto e colpiscono anche singole persone. La più recente, riportata dal Global Council of Indian Christians (Gcic), riguarda un giovane handicappato cristiano attaccato il 6 novembre scorso nel distretto di Shimoga,
 
Il Gcic denuncia discriminazioni verso i cristiani anche nella distribuzione degli aiuti alle vittime delle alluvioni nel Karnataka. Sajan K George, presidente del Gcic, afferma che nei distretti di Raichur, Bellary, Bijapur e Gulbarga cristiani e dalit non sono stati nemmeno ammessi alla distribuzione dei viveri “necessari per la loro sopravvivenza”. E aggiunge: “Questo dimostra una completa deficienza di buon governo nello Stato del Karnatka”.





Vedi anche

16/12/2009 INDIA
Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
Presa a sassate la grotta di Sant’Antonio nel villaggio di Kolaigiri. È la 66ma aggressione contro una comunità cristiana del Karnataka. Per il Global Council of Indian Christians negli Stati governati dal Bjp le autorità ignorano “il diffondersi della cultura di violenza e terrore contro le comunità della minoranza cristiana”.

11/12/2009 INDIA
Estremisti indù bruciano una chiesa nell’Andhra Pradesh
Attacco alla chiesa evangelica Jesus Lights Manna nel villaggio di Metpally. La polizia ha arrestato il locale leader del Bharatiya Janata Party e alcuni militanti del Rashtriya Swayamsevak Sangh. Il Global Council of Indian Christians ha registrato 21 attacchi contro luoghi di culto cristiani nello Stato.

03/06/2009 INDIA
Orissa: estremisti indù bruciano le case di tre cristiani del Kandhamal
Le vittime hanno riconosciuto il capo degli attentatori, ma la polizia suggerisce loro di non nominarlo nella denuncia. L’attentato è avvenuto il 31 maggio, giorno in cui è iniziato il ritiro delle compagnie militari dislocate nella zona a protezione dei cristiani.

19/11/2009 INDIA
Attacco ad una chiesa nel Karnataka. È il 56mo caso nel 2009
Scardinate le porte di ingresso, distrutte finestre e arredi, divelta anche la croce dalla sommità dell’edificio. Il presidente del Global Council of Indian Christians: “L’ondata di incidenti contro i cristiani sta aumentando nel Karantaka e in altri Stati governati dal Bharatiya Janata Party (Bjp)”. C’è un clima di “crescente intolleranza religiosa”.

11/07/2011 INDIA
Andhra Pradesh, accoltellato un pastore pentecostale. Gcic: Lo Stato è “complice”
Quattro radicali indù lo accusavano di conversioni forzate. Per Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), l’aggressione è una “vergogna” per uno Stato laico come l’India. Anche in Karnataka e in Orissa non c’è pace per i cristiani.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®