Cerca

28 Marzo 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/01/2017 SRI LANKA

Colombo: a otto anni dall’omicidio, nessuna giustizia per un giornalista cristiano

Nel 2009 Lasantha Wickremetunge è stato assassinato in pieno giorno mentre si recava a lavoro. Era il direttore del quotidiano Sunday Leader. Aveva criticato l’ex presidente Mahinda Rajapaska, che ha sempre negato ogni coinvolgimento.

Colombo (AsiaNews) – A otto anni dall’omicidio del famoso giornalista cristiano Lasantha Wickremetunge, ucciso in pieno giorno mentre si recava a lavoro, le indagini sul suo caso ancora languono e la famiglia attende giustizia. L’uomo era il direttore del quotidiano Sunday Leader e dalle pagine del suo giornale aveva criticato con asprezza l’ex presidente Mahinda Rajapaksa, che ha sempre negato ogni coinvolgimento nell’assassinio.

Appena insediatosi al governo, Maithripala Sirisena ha riaperto il caso. Dal canto suo, la famiglia del giornalista lamenta che finora non ci sono stati risultati di rilievo e Athula S. Ranagala, il suo avvocato, sostiene che le indagini sono in stallo.

Nel frattempo familiari, amici e alcuni politici si sono riuniti l’8 gennaio per commemorare la sua morte, ancora senza colpevoli. Secondo l’avvocato, “il governo non ha dato grande slancio per fare giustizia”. Il professor Sarath Wijesooriya ritiene che ci sia “un potere invisibile che agisce sul caso per bloccare la meritata fine”.

Per l’occasione Lal Wickremetunge, il fratello del direttore che vive all’estero, ha fatto recapitare una lettera. Nella missiva, letta dalla figlia Raisa durante la cerimonia d’anniversario, egli dichiara che “oggi lo Sri Lanka è un Paese migliore in cui poter praticare il giornalismo, ma il passato non deve essere dimenticato o rivisitato”. Di recente, ha aggiunto, “i media sono stati informati dell’esistenza di alcune registrazioni telefoniche intercorse tra Lasantha e Rajapaksa”, anche se il contenuto degli audio non è stato reso pubblico.

Alla commemorazione funebre era presente Sandhaya Eknaligoda, moglie di Prageeth Eknaligoda, un altro giornalista e fumettista scomparso dal gennaio 2010. “Non so cosa sia successo a mio marito – denuncia la donna – e non ho nemmeno il diritto di ricordarlo. Per commemorare Lasantha, si può portare un fiore o accendere una candela sulla sua tomba. Io invece non ho alcun luogo dove poter deporre un fiore”.






Vedi anche

27/09/2016 08:51:00 SRI LANKA
Sri Lanka, verrà riesumato il corpo del giornalista ucciso perché criticava il governo

Lasantha Wickrematunge è stato ucciso nel 2009 in pieno giorno mentre si recava a lavoro. Criticava da tempo la corruzione del governo guidato dall’allora presidente Rajapaksa, la violazione dei diritti umani e la guerra contro le Tigri tamil. La sua tomba è sorvegliata a vista, per impedire ritorsioni degli assassini ancora in libertà.



26/01/2017 15:48:00 SRI LANKA
Sri Lanka: gennaio è ancora il “mese nero” per il giornalismo

Giornalisti e attivisti ricordano il loro collega Prageeth Eknaligoda, scomparso il 24 gennaio 2010. Alle elezioni che hanno decretato la vittoria di Rajapaksa, egli sosteneva l’avversario Fonseka. La moglie punta il dito contro la presunta connivenza tra esercito e attuale presidente Sirisena.



25/02/2010 SRI LANKA
Solidarietà per un giornalista scomparso, che si era opposto al presidente
Si tratta di Prageeth Ekanligoda, sostenitore del candidato d’opposizione Sarath Fonseka. A distanza di un mese si ignora il suo destino. Inevase le molte richieste della moglie alle autorità per indagini e notizie.

26/08/2010 CINA
Pena di morte per Zheng Shaodong, corrotto capo dell'anti-corruzione
L'ex direttore dell’Ufficio indagini contro i reati economici, ha ricevuto “bustarelle” per 83 milioni di yuan. Sospesa la condanna a morte. Esperti: per debellare la corruzione occorre dare maggiore tutela ai diritti civili dei cittadini.

13/01/2010 SRI LANKA
Nessuna giustizia, a un anno dall’assassinio del giornalista Lasantha
L’8 gennaio 2009 il reporter Lasantha è stato ucciso nella sua auto in pieno giorno. Dopo un anno, centinaia di giornalisti si riuniscono per ricordarlo e per contestare l’inerzia del governo per trovare i colpevoli. Nel Paese decine di giornalisti sono costretti a fuggire all’estero o subiscono aggressioni.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®