Cerca

24 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

11/10/2017 INDIA

Corte suprema: Avere rapporti sessuali con la moglie minorenne è stupro

La sentenza è stata pronunciata oggi. I giudici non intervengono sul fenomeno delle violenze carnali all’interno del matrimonio. La legge vieta già i matrimoni minorili, ma di fatto nei villaggi la tradizione continua immutata.

New Delhi (AsiaNews) – La Corte suprema indiana ha stabilito che avere rapporti sessuali con una moglie minorenne equivale ad un atto di stupro. La sentenza è stata pronunciata questa mattina. I giudici hanno accolto la petizione della Ong Independent Thought, che ha sfidato una norma del Codice penale indiano che stabilisce che i rapporti intimi con le bambine sono un reato, fatta eccezione per quelli che avvengono nella relazione matrimoniale.

L’eccezione cui si riferisce la Ong è la Sezione 375 (stupro) del Codice penale, che consente al marito di avere relazioni sessuali con la moglie 15enne, anche senza il suo consenso. I giudici hanno sottolineato che la sentenza non vuole indagare la questione delle violenze carnali all’interno del matrimonio, aspetto giuridico che attiene al Parlamento.

Secondo osservatori, la decisione, presentata al pubblico come un’eccezionale risultato, in realtà non avrà grandi effetti sul fenomeno dei matrimoni infantili, molto diffusi in India e già vietati dalla legge. Il Prohibition of Child Marriage Act (Pcma) del 2006 stabilisce che l’età legale per contrarre matrimonio è di 18 anni per le donne e 21 per gli uomini. La norma prevede delle pene per chi la trasgredisce e ha dato vita ai “funzionari per proibire il matrimonio minorile”. Nei fatti, la consuetudine delle spose bambine è ancora molto diffusa, soprattutto nei villaggi rurali. Gli stessi giudici, nelle loro motivazioni, ammettono: “Che sia o meno una realtà sociale, da 70 anni non siamo in grado di abolire i matrimoni minorili”.






Vedi anche

10/07/2017 08:58:00 INDIA
Corte suprema: il Gange ‘non è un essere vivente’

I giudici ribaltano una sentenza dell’Alta corte dell’Uttarakhand. Il fiume è altamente inquinato da processi industriali, urbanizzazione, pesticidi. Il nuovo status legale rischiava di rendere il fiume responsabile dei danni delle inondazioni.



03/01/2017 11:35:00 INDIA
Corte suprema indiana: No all’uso della religione in cerca di voti. Attivisti: Sentenza positiva

I giudici hanno stabilito che i politici non potranno più fare leva sull’elemento confessionale, linguistico e di casta. La sentenza sfida per la prima volta un altro giudizio che definiva l’Hindutva “uno stile di vita e non una religione”. “Il paradosso è che è proprio il partito del premier che più usa la religione per attrarre consensi”.



17/06/2017 09:48:00 INDIA
Parziale dietrofront di Delhi sul bando della carne di vacca: ‘pronti a rivedere’ la norma

Il ministro della Giustizia apre su possibili regole meno severe. La questione arriva alla Corte suprema. La sentenza è prevista per il prossimo 11 luglio. “Mai voluto appoggiare una legge che potesse interferire in qualsiasi modo con le abitudini alimentari delle comunità”. Già perso il 90% del commercio dei bufali.



07/05/2013 CINA
Giudice della Corte Suprema: Basta sentenze politiche, ci distruggeranno
Il vice presidente esecutivo del più alto organo giudiziario cinese scrive un articolo di denuncia: “È meglio rilasciare un colpevole che mettere in galera un innocente. Se continuiamo così, ci troveremo a dover affrontare una delle sfide più grandi alla legittimità stessa del nostro sistema legale. I tribunali siano liberi dal Partito”.

24/11/2015 CINA
Pechino, la giornalista Gao Yu presenta appello: domani la sentenza
La reporter è stata arrestata per la terza volta nell’aprile 2015, e condannata a sette anni di galera per aver “diffuso segreti di Stato”. L’ultima udienza alla Corte Suprema del Popolo di Pechino è durata meno di un’ora. La donna, nota per le sue critiche al regime cinese, soffre di diversi problemi di salute.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®