Cerca

20 Gennaio 2018

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

09/01/2018 CINA

Il gen. Fang Fenghui sarà processato per corruzione

Era stato interrogato dalla Commissione disciplinare lo scorso agosto insieme al gen. Fang Yang, che si sarebbe suicidato il 23 novembre scorso. Entrambi erano dei protetti da Guo Baixiong e Xu Caihou, condannati per corruzione. Aleno 13mila ufficiali dell’esercito sono stati finora condannati.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Fang Fenghui, uno dei più giovani e più potenti generali dell’Esercito per la liberazione del popolo (Pla) sarà processato per corruzione. Ne dà notizia oggi la Xinhua, senza aggiungere altri dettagli.

Fang, 66 anni (a destra nella foto), è stato capo del personale e membro della Commissione militare centrale (Cmc) fino ad agosto scorso. Secondo alcune fonti, egli sarebbe stato convocato davanti alla commissione disciplinare lo scorso 28 agosto insieme al suo collega Zhang Yang. Quest’ultimo si sarebbe però suicidato il 23 novembre scorso e ciò ha fatto ritardare l’arresto di Fang fino ad oggi.

Entrambi erano due protetti di Guo Boxiong e Xu Caihou, due potenti generali del Cmc condannati nella campagna anti-corruzione lanciata dal presidente Xi Jinping cinque anni fa. Guo è stato condannato all’ergastolo nel 2016; Xu è morto di cancro nel 2015 mentre era in prigione in attesa di processo.

L’arresto di Fang conferma che la campagna di Xi vuole combattere “tigri e mosche”, pezzi piccoli e pezzi grossi dell’apparato. Fino ad ora almeno 13mila ufficiali dell’esercito sono stati condanni per corruzione.

Sono però in molti a chiedersi se questa caccia alle “tigri” non sia una lotta contro i concorrenti al potere di Xi. Sotto il presidente Hu Jintao, che è stato presidente della Cmc dal 2004 al 2012, Fang era visto come una personalità leale, protetta da Hu.






Vedi anche

03/09/2015 CINA
La parata di Pechino, l'ampiezza del potere di Xi Jinping
L’impressionante esercizio militare ha di certo “mostrato i muscoli” della Cina, ma soprattutto ha sottolineato la rafforzata potenza del presidente, anche Segretario del Partito e capo della Commissione militare centrale. A omaggiarlo tutti i suoi predecessori, segno di rinnovata unità politica, e persino importanti capi di Stato esteri. Garantita, nonostante le purghe, la fedeltà dell’Esercito di liberazione popolare. Che sarà ridotto di 300mila unità e sarà “sempre impegnato a garantire la pace”.

10/08/2015 CINA
Cina, il Partito: Basta con i funzionari in pensione ancora attaccati al potere
L’attacco frontale è contenuto in un editoriale firmato apparso oggi sul Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista al potere. Anche se non viene mai citato, gli analisti non hanno dubbi: il bersaglio è l’ex presidente Jiang Zemin, leader della “cricca di Shanghai” ancora molto influente nella politica nazionale.

04/03/2008 CINA
Pechino sotto controllo per l’Assemblea nazionale del popolo
Milioni di soldati e volontari per garantire la sicurezza dell’Anp e la Conferenza consultiva. Hu Jintao, ormai sicuro della sua leadership, varerà una ristrutturazione dei ministeri. Già garantito un incremento del 17,6% delle spese dell’esercito. La popolazione resta ai margini, impossibilitata a presentare petizioni. Le nuove leggi sulle garanzie verso gli operai non piaccio ai membri del partito comunista cinese.

26/07/2016 13:13:00 CINA
Ergastolo per il generale Guo Boxiong, accusato di corruzione

Già vice-presidente della Commissione militare centrale e anche membro del Politburo, l’alto ufficiale avrebbe usato la sua influenza per ottenere promozioni, accettando tangenti. Molti credono però che il vero crimine del generale in pensione sia la sua fedeltà all’ex presidente, Jiang Zemin – col quale avrebbe mantenuto stretti legami, anche dopo che ha lasciato il potere - e non a Xi Jinping.



21/06/2004 cina
Jiang Zemin promuove 15 generali e rafforza il suo potere



Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®