Cerca

30 Aprile 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

17/03/2017 INDIA

In Nagaland presto un’università cristiana per tutti gli studenti

La North East Christian University è un’iniziativa delle Chiese battiste del nord-est dell’India. La maggior parte dei costi sarà sostenuta da benefattori americani. I primi corsi partiranno dal 2018. Il 90% degli abitanti dello Stato professa il cristianesimo.

Kohima (AsiaNews/Agenzie) – Lo Stato del Nagaland avrà presto un’università cristiana aperta a tutti gli studenti, ai quali offrirà percorsi accademici di livello superiore e ad alta tecnologia in “un’atmosfera di etica cristiana”. L’ateneo si chiamerà North East Christian University (Necu) e sorgerà in un’area di 247 acri (quasi un milione di metri quadrati) nel villaggio di Medziphema, a circa 30 chilometri di distanza da Dimapur, la città più popolosa dello Stato indiano. Il progetto nasce dall’iniziativa del Consiglio delle Chiese battiste del nord-est dell’India (Cbcnei), che ne finanzierà anche la realizzazione.

Il progetto iniziale prevede un finanziamento di 1,8 miliardi di rupie (25,6 milioni di euro), la maggior parte dei quali sarà donato da benefattori americani. Alemtemshi, segretario del Nagaland e membro del consiglio amministrativo della Necu, ha dichiarato che “1,2 miliardi di rupie proverranno dagli amici americani, mentre il costo per le chiese [indiane] sarà solo di 600 milioni di rupie”.

Secondo il rev. A.K. Lama, vice rettore della Necu, una “università con un’etica cristiana è sempre stato il sogno del Consiglio delle Chiese battiste del nord-est dell’India”. A coronamento dell’iniziativa, lo scorso 10 marzo K.C. Momin, presidente del Cbcnei, ha gettato le fondamenta della nuova costruzione, alla presenza di Deo Nukhu, segretario per l’istruzione superiore e tecnica del Nagaland, e di numerosi rappresentanti delle Chiese cristiane. Il segretario ha assicurato il sostegno logistico da parte del governo statale, in particolare per quanto riguarda la fornitura idrica ed elettrica. Alemtemshi ha aggiunto che i corsi “partiranno con ogni probabilità dal 2018. Ma il nostro obiettivo è portare a termine il progetto in cinque anni a partire da oggi”.

La costruzione dell’ateneo cristiano testimonia la rilevanza delle Chiese nello Stato indiano. Secondo l’ultimo censimento del 2011 sulla composizione religiosa della popolazione, il Nagaland è abitato da 1,988 milioni di persone, di cui il 90,02% professa la religione cristiana. Nagaland, Meghalaya, Mizoram sono gli unici tre Stati indiani dove i cristiani superano il 90% dei residenti locali. Si tratta di una vera rarità nel panorama indiano, dove in generale i cristiani sono il 2,3% del totale della popolazione di 1,2 miliardi.






Vedi anche

22/12/2016 12:01:00 INDIA
Manipur, coprifuoco dopo l’attacco a due chiese. Minaccia ai cristiani: Non festeggiate il Natale

Il governo vuole creare nuovi distretti nelle aree abitate da secoli da tribali Naga e Kukis, cristiani. Il consiglio dei tribali ha bloccato le merci nello Stato. La maggioranza indù si è ribellata e ha aggredito due chiese battiste. La Chiesa locale lavora per il dialogo e una soluzione ponderata.



22/10/2009 VATICANO-WCC-INDIA
Mons. Machado, la divisione tra i cristiani ostacolo alla evangelizzazione
L’arcivescovo, membro per il Vaticano del Gruppo congiunto di lavoro (JWG) con il Consiglio mondiale delle Chiese, ricorda la nascita e le finalità del movimento ecumenico. Le questioni nazionali, come quella delle conversioni fonamentaliste si affrontano a livello di prinncipi generali.

09/10/2013 COREA
Partito da Berlino il "treno cristiano per la pace" in Corea
Il convoglio è stato benedetto alla Porta di Brandeburgo da due pastori del Consiglio mondiale delle chiese e prevede tappe a Mosca, Irkutsk e Pechino. La speranza è quella di passare anche da Pyongyang. L'arrivo il 28 ottobre a Busan in Corea del Sud.

04/02/2013 COREA
Consiglio mondiale delle Chiese: I cristiani della Corea del Sud “agenti del Dio della pace”
È l’auspicio del dottor Olav Fykse Tveit, capo dell'organismo ecumenico, che ha visitato il Paese per preparare l’incontro annuale del gruppo che si terrà a novembre. I fedeli “devono collaborare per far ridiventare la penisola un luogo di pace e giustizia”.

19/02/2013 EGITTO
Egitto, un Consiglio delle chiese cristiane per continuare la missione di Cristo
I massimi rappresentanti delle confessioni cristiane del Paese si sono riuniti ieri al Cairo. Fra i partecipanti anche Tawadros II, patriarca della Chiesa copta ortodossa. Lo scopo è unire i cristiani per aiutarli ad affrontare le sfide del nuovo Egitto dominato dai Fratelli Musulmani. La nascita del Consiglio nazionale delle Chiese cristiane è frutto della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani tenutasi nei giorni scorsi in tutto l'Egitto.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®