Cerca

24 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

11/10/2017 MALAYSIA

Kuala Lumpur, i sultani malesi condannano l’intolleranza in nome dell’islam

Censurati i proprietari di due lavanderie per soli musulmani. L’unità e l’armonia la chiave per garantire la stabilità del Paese. Cittadini invitare a seguire i princìpi fondamentali della Costituzione federale e del Rukunegara.

Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – I nove sultani malesi (foto), massime autorità religiose e politiche degli Stati della Malaysia, condannano l’intolleranza in nome dell’islam ed esprimono preoccupazione per l’unità e l’armonia nazionali, alla luce dei crescenti episodi di violenza avvenuti nel Paese.

Tra questi, nelle ultime settimane hanno suscitato grande scalpore in Malaysia i casi dei proprietari di due lavanderie, una a Kangar (capitale dello Stato di Perlis) e l’altra a Muar (nel Johor), che si rifiutavano di servire i clienti non-musulmani.

Tan Sri Datuk Seri Syed Danial Syed Ahmad, custode del Sigillo dei sovrani, ha rilasciato ieri un comunicato in cui afferma che “le azioni di determinati individui hanno superato tutti gli standard accettabili di decenza, mettendo a rischio l'armonia esistente all'interno della società, che è multi-religiosa e multi-etnica”.

L’alto funzionario dichiara inoltre per conto dei sultani che le implicazioni dannose di tali azioni sono più gravi quando esse sono associate o commesse in nome dell'Islam. “La reputazione dell'islam non deve mai essere contaminata dalle azioni divisive di alcuni gruppi o individui che possono portare a fratture tra i cittadini”, ha ribadito.

Ribadendo che l’unità e l’armonia tra le diverse comunità sono la chiave per garantire la stabilità del Paese, il comunicato invita i cittadini a seguire i princìpi fondamentali contenuti nella Costituzione federale e nella dichiarazione della Rukunegara. Redatta nel 1970 in risposta a gravi violenze razziali, essa incarna la filosofia nazionale e raccoglie i cinque capisaldi del pluralismo malaysiano, sulla base del presupposto che i diversi contesti religiosi ed etnici devono essere rispettati.






Vedi anche

04/07/2014 MALAYSIA - ISLAM
Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
Per p. Lawrence Andrew, direttore di Herald Malaysia, il nuovo prelato è una persona “molto brava e competente”. Egli ha già sottolineato l’importanza del dialogo fra fedi, in un periodo di tensione interconfessionale. La libertà religiosa è sotto “attacco” e “in pericolo”. E la visione dell’islam sunnita si fa sempre più radicale.

25/11/2008 MALAYSIA
Consigli islamici contro la rivista cattolica di Kuala Lumpur: vietato scrivere Allah
I consigli religiosi islamici di sette stati malaysiani ammessi al processo che vede il settimanale della diocesi di Kuala Lumpur contrapposto al governo. Oggetto della disputa il divieto di utilizzare la parola “Allah” nelle pubblicazioni non musulmane. la comunità sikh scende al fianco dei cattolici.

07/03/2009 MALAYSIA
Cristiani lanciano una campagna di firme per l’uso della parola “Allah”
Si attende il sostegno anche dei musulmani, oltre che da ebrei e cristiani nel mondo. Si può firmare pure via internet. La diocesi di Kuala Lumpur continua la sua battaglia legale contro il governo per usare la parola “Allah” nelle pubblicazioni cattoliche.

03/08/2017 08:56:00 MALAYSIA
Kuala Lumpur vieta un libro che promuove l’islam moderato: ‘è non islamico’

Gli autori sono un gruppo di ex funzionari pubblici di alto rango e diplomatici musulmani. La stampa o il possesso del libro “è probabile che pregiudichino l'ordine” e “allarmino l'opinione pubblica”. Pene fino a tre anni di carcere per chi non rispetta il divieto. Uno degli autori: “intolleranza e bigottismo devono essere combattuti in modo intellettuale”. 



17/01/2017 12:54:00 MALAYSIA
Sospese le ricerche dell’MH370 dopo tre anni

Il Boeing 777 della Malaysian Airlines è scomparso l’8 marzo 2014, aveva 239 persone a bordo. I familiari: “Fermare le ricerche a questo punto è da irresponsabili. Ci sono ancora cose che non sappiamo.”




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®