Cerca

20 Settembre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

12/09/2017 IRAQ

Mosul: 1.400 mogli e bambini di Daesh in stato di fermo

Sono rimasti dopo la cacciata dei jihadisti. Provengono per la maggior parte dalla Turchia e dai Paesi dell’ex-Unione Sovietica. Sono sottoposti a misure di sicurezza restrittive. Timore di tensioni con gli iracheni sfollati. Molte mogli sono state portate in Iraq con l’inganno. 

Baghdad (AsiaNews/Reuters) – Sono 1.400 le mogli e i figli di sospetti combattenti di Daesh trattenuti dalle autorità irachene a Mosul, il più grande gruppo di stranieri in stato di fermo nel Paese. Rimasti dopo l’espulsione dei jihadisti, essi provengono per la maggior parte dalla Turchia e dai Paesi dell’ex-Unione Sovietica, in particolare Tajikistan, Azerbaijan e Russia. Ma alcuni provengono anche da altri Paesi asiatici o sono francesi e tedeschi. Si contano almeno 13 nazionalità.

Le 541 donne e i loro figli sono chiusi in un campo a sud di Mosul. Il colonnello Ahmed al-Taie ha affermato che l’esercito trattiene le famiglie di Daesh sotto restrittive misure di sicurezza in attesa di indicazioni da parte del governo. Insieme agli operatori umanitari, le autorità sono preoccupate delle tensioni che potrebbero crescere fra gli iracheni sfollati da Mosul e le famiglie di Daesh, qualora i primi cerchino vendetta per le violenze subite dopo la presa della città nel 2014.

“Sono i familiari di criminali violenti che hanno ucciso innocenti a sangue freddo – ha commentato il colonnello – ma quando li abbiamo interrogati abbiamo scoperto che quasi tutti erano stati fuorviati dalla malvagia propaganda di Daesh”.

Una donna francese di origini algerine di 27 anni racconta di essere stata ingannata dal marito: “Mi ha detto ‘andiamo in vacanza in Turchia per una settimana’. Aveva già prenotato i biglietti aerei e l’hotel... Non capisco perché ci abbia fatto questo. Vivo o morto – non potrebbe importarmi meno di lui”.






Vedi anche

03/07/2017 12:22:00 IRAQ
Mosul: il miracolo della chiesa di San Tommaso, risparmiata dalle bombe dell’Isis

È la più antica chiesa della città, si trova a due strade dalla moschea al-Nouri, distrutta. All’esterno non ha che “qualche graffio”, mentre l’interno è stato devastato durante l’occupazione. Le reliquie di san Tommaso erano state messe in salvo tre anni fa, quando la città cadde nelle mani dell’Isis. Per gentile concessione de L’Orient Le-Jour.



25/07/2016 10:59:00 IRAQ
Autobombe e suicidi a Baghdad, mentre si avvicina la “liberazione” di Mosul

Stamane un’autobomba a Khales ha ucciso 10 persone; ieri a Kadhimiyah sono morte 15 persone. Il premier e il ministro della difesa annunciano i piani per liberare Mosul. Molti gruppi – fra cui quello di Moqtada al-Sadr – non vogliono truppe straniere (turche o statunitensi) sul terreno, ma chiedono di condividere informazioni coi Paesi della coalizione anti-Daesh. A Mosul i miliziani smobilitano gli uffici della morale islamica. Bloccate le comunicazioni via internet.



30/06/2017 08:54:00 IRAQ
Mosul, l’esercito irakeno riconquista la moschea di al-Nouri. I giorni contati dell'Isis

A tre anni dalla proclamazione del “Califfato” la coalizione arabo-curda riprende il controllo del luogo di culto. Premier irakeno: la ripresa del sito segna la fine del “fasullo Stato di Daesh”. Portavoce militare Usa: la caduta della città è questione “di giorni, piuttosto che di settimane”.

 



27/06/2017 12:26:00 IRAQ
Leader cattolico: la liberazione di Mosul dall’Isis è vicina. Poi la ricostruzione

Duraid Hikmat Tobiya conferma che restano solo “poche aree” nelle mani dei jihadisti. L’esercito irakeno respinge una controffensiva dei miliziani. Preoccupa la sorte dei civili; oltre 800mila gli sfollati. Per sconfiggere l’estremismo controllare i sermoni e modificare i curriculum scolastici. Da Mosul un appello per la ricostruzione della moschea e del minareto distrutti dallo Stato islamico.

 



17/06/2017 09:49:00 IRAQ
Mosul: Cristiani e musulmani per la rinascita della biblioteca universitaria, devastata dall’Isis

Professori, studenti, intellettuali e donatori privati, in Iraq e all’esteri, contribuiscono con libri e donazioni alla sua rifondazione. Una iniziativa nata tre mesi fa, all’indomani della liberazione del settore orientale della città. Il rettore: Distruzione completa, perduto quasi il 100% del contenuto. Al suo interno migliaia di libri rari. Finora raccolti 6mila volumi.




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®