Cerca

22 Agosto 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

17/05/2017 IRAQ

Ninive, nunzio in Iraq: nell’opera di ricostruzione aumentano unità e comunione fra cristiani

In una lettera al patriarca Sako mons. Ortega Martín ricorda che la collaborazione fra Chiese è una “forte testimonianza” di fronte alle persecuzioni e alle violenze. Il prelato ricorda che è “responsabilità di tutti” favorire il rientro dei profughi nelle loro case. Ed elogia i profughi che hanno “perso tutto per mantenere la loro fede”. Cristo “è la vostra forza”.

 

Baghdad (AsiaNews) - La collaborazione fra diverse Chiese, fra i caldei, i siro-cattolici e i siro-ortodossi “oltre a rafforzare l’unità”, costituisce anche “una forte testimonianza di comunione”. È un “diritto e perciò una responsabilità di tutti che i cristiani e i membri di altri gruppi”, che hanno dovuto lasciare le loro case in seguito all’ascesa dello Stato islamico a Mosul e nella piana di Ninive nell’estate del 2014 “in un modo tanto ingiusto, possano rientrarvi”. È quanto afferma mons. Alberto Ortega Martín, nunzio apostolico in Giordania e Iraq, in una lettera al patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako e inviata per conoscenza ad AsiaNews. 

Nella missiva il prelato ricorda che è iniziata l’opera di ricostruzione [cui contribuisce anche AsiaNews con la campagna “Adotta un cristiano di Mosul”] e alcune famiglie sono già rientrate a Telleskof e in altre cittadine della piana di Ninive. Una notizia, prosegue, che riempie “di gioia e di speranza”.

Il diplomatico vaticano spende “una parola di incoraggiamento” per i tanti cristiani di Mosul e della piana “che hanno dato una bella testimonianza, giacché hanno perso tutto per mantenere la loro fede”. “A loro voglio dire: la vostra testimonianza di fede è un tesoro per tutta la Chiesa”. “Con le parole di papa Francesco - aggiunge ancora - incoraggio tutti i cristiani a non lasciarvi rubare la speranza e a continuare a restare attaccati al Signore Gesù che è la vostra forza”.

Ecco di seguito, la lettera del nunzio apostolico in Iraq al patriarca Sako, inviata per conoscenza ad AsiaNews: 

Beatitudine,

sono stato informato di recente circa l’avvio ufficiale dei lavori di ricostruzione in alcuni villaggi cristiani liberati che si realizzeranno con l’aiuto di diverse istituzioni, in particolare con quello dell’organizzazione “Aiuto alla Chiesa che soffre”. Tale informazioni, insieme alle notizie circa le numerose famiglie cristiane che sono rientrate a Telleskof e in altri villaggi mi riempiono di gioia e di speranza.

L’iniziativa per la ricostruzione dei villaggi, sulla quale si stava lavorando già da qualche mese, è encomiabile e mi sembra molto bello che in essa siano coinvolte le diverse Chiese presenti nella Piana di Ninive, in particolare la Chiesa Caldea, la Chiesa Siro-cattolica e la Chiesa Siro-ortodossa, che hanno i loro rappresentanti nel Comitato per la ricostruzione. Rilevo, poi, con compiacimento come la collaborazione tra le diverse Chiese, oltre a rafforzarne l’unità, costituisce anche una forte testimonianza di comunione, che è un grande dono e nello stesso tempo un compito affidatoci dal Signore.

Spero che l’ingente opera di ricostruzione, felicemente avviata, possa andare avanti, come auspicato, e che si abbia un progressivo coinvolgimento di più istituzioni locali e internazionali. Al riguardo stimo utile segnalare che è un diritto e perciò una responsabilità di tutti che i cristiani e i membri di altri gruppi, che hanno dovuto lasciare le loro case e le loro terre in un modo tanto ingiusto, possano rientrarvi.

Mi è grata l’occasione per esprimere una parola di incoraggiamento a tanti cristiani di Mosul e della Piana di Ninive che hanno dato una bella testimonianza, giacché hanno perso tutto per mantenere la loro fede e per non rinnegare il Signore Gesù Cristo. A loro voglio dire: la vostra testimonianza di fede è un tesoro per tutta la Chiesa. Con le parole di Papa Francesco incoraggio tutti i cristiani a non lasciarvi rubare la speranza e a continuare a restare attaccati al Signore Gesù che è la vostra forza. Per quanti di voi che siete sfollati da tanto tempo, a volte in condizione molto precarie, auspico un presto ritorno nelle vostre case e nei vostri villaggi. Sapete che la vostra presenza nel Paese è fondamentale. Siete la presenza di Cristo. Avete una bella missione che nessuno può svolgere a vostro posto. Vi esorto a restare nella vostra terra per continuare a contribuire al bene della società. Con voi continuo a pregare per la pace e la riconciliazione nel Paese.

Vi assicuro che non siete soli: la Chiesa, cominciando dal Santo Padre, che sapete che vi vuole bene e vi ricorda nelle sue preghiere, è vicina a voi. Segno di questa vicinanza sono tanti aiuti che vi sono arrivati da tante istituzioni e da tante persone. Anche la presente iniziativa, favorita da “Aiuto alla Chiesa che soffre”, è un gesto prezioso e concreto di tale sollecitudine. Sono molto grato a quanti si sono impegnati a rendere possibile questa buona opera alla quale auspico ogni bene.

Per portare avanti l’opera di ricostruzione ci sarà bisogno di tanto aiuto materiale, che ho fiducia arriverà, ma ci sarà bisogno soprattutto di coraggio, di motivazione e di impegno animato dalla fede da parte di ciascuno di voi. In questo aspetto è fondamentale il ruolo dei leader. Vostra Beatitudine è chiamato a svolgere un ruolo di primo piano così come i Vescovi delle altre Chiese, i sacerdoti, i religiosi e le religiose. Al riguardo è fondamentale l’unità di intenti e la collaborazione soprattutto tra i sacerdoti e i loro Vescovi. In questi momenti dove è in gioco l’avvenire dei cristiani nel Paese tale unità e comunione riveste un’importanza primordiale. I fedeli vi guardano e aspettano da voi, sacerdoti e vescovi questa testimonianza di unità. Vogliono vedere i sacerdoti uniti ai loro vescovi lavorando per il bene dei fedeli e perciò stesso per il bene di tutta la Chiesa e di tutta la società.

Da parte mia posso assicurare la mia preghiera ed il mio impegno a favorire nella misura del possibile questa importante opera di ricostruzione. Vi affido alla Madonna di Fatima, e vi trasmetto la mia benedizione.

Nel comunicarLe che ho ritenuto opportuno inviare un messaggio simile a Sua Eccellenza Mons. Yohanna Petros Mouché, Arcivescovo di Mosul dei Siri-Cattolici, profitto volentieri della circostanza per confermarmi, con sensi di profondo ossequio,
della Beatitudine Vostra Reverendissima.

(Mons. Alberto Ortega, nunzio apostolico in Giordania e Iraq)

 






Vedi anche

12/05/2017 11:37:00 IRAQ
Iraq: giovani cristiani, musulmani e yazidi semi di dialogo nella terra devastata dall’Isis

P. Samir Youssef racconta un progetto di incontro e confronto per ricostruire un tessuto sociale devastato dalla follia jihadista. Riunioni settimanali, campi estivi, film e testimonianze dedicate al dialogo interreligioso. Papa Francesco modello di insegnamento conosciuto e apprezzato anche dalle famiglie musulmane e yazidi.

 



25/06/2016 10:13:00 IRAQ
Lo Stato islamico a Mosul: il lento genocidio delle donne cristiane e yazide

Duraid Hikmat Tobiya, consigliere per le minoranze del governatorato di Ninive, conferma gli abusi e gli stupri ai danni di donne cristiane. Si tratta di “vittime individuali” e “singoli casi” rispetto agli abusi di massa sulle yazide. La decisione Onu di dichiarare il genocidio. E conferma di famiglie cristiane ostaggio dei miliziani.

 



13/01/2016 GIORDANIA
Sacerdote giordano: Dopo il sostegno del papa, la comunità internazionale ci aiuti per i profughi
Per p. Rifat Bader il Paese è un modello di convivenza fra cristiani e musulmani. Per l’Anno della Misericordia iniziative benefiche aperte a tutti. Musulmani e cristiani fanno a gara “per aiutare” i rifugiati. Dai cristiani irakeni e una “enorme testimonianza” di fede. Il Coordinamento Terra Santa è in Giordania, dopo aver visitato Gaza e Betlemme.

09/01/2015 IRAQ
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
Originario di Karamles, all'arrivo dello Stato islamico il giovane fuggito con la famiglia. Ora è ospite di un campo profughi, dove promuove attività per i bambini. In molti, anche fra amici e conoscenti, sono emigrati all'estero; ma "le nostre radici, la nostra vita, il nostro futuro sono in Iraq".

23/06/2016 09:35:00 GIORDANIA - IRAQ
Profughe irakene: Daesh, l'esilio e il desiderio di incontrare papa Francesco

Due rifugiate cristiane accolte dalla Chiesa giordana ad Amman. Dall’infanzia pacifica, sotto un regime autoritario ma stabile, alle violenze del conflitto e alla deriva jihadista. Il rapporto con i musulmani e la forza della fede. Con altre rifugiate hanno realizzato una casula per il pontefice, che sperano di incontrare a Cracovia. 

 




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®