Cerca

27 Giugno 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

12/01/2017 PAKISTAN

Pakistan, scomparso un altro attivista laico. È il quinto in una settimana

Samar Abbas è il presidente della Civil Progressive Alliance Pakistan. È sparito in un viaggio di lavoro verso Islamabad. Gli altri scomparsi sono un noto professore di Rawalpindi e tre blogger di Lahore. Attivista: “Tendenza allarmante le sparizioni di esponenti del ceto intellettuale del Punjab”.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – In Pakistan è scomparso un altro attivista laico, critico dell’estremismo religioso e delle frange violente presenti negli ambienti politici e militari. Si tratta di Samar Abbas, 54 anni, presidente della Civil Progressive Alliance Pakistan (Cpap). È il quinto attivista sparito nel nulla, dopo che la scorsa settimana la stessa sorte era toccata ad un famoso professore universitario e a tre blogger. Ora si rincorrono sempre di più le voci sospettose di chi teme ci siano le forze di sicurezza e il terrorismo dietro le sparizioni misteriose.

Syed Talib Abbas, segretario generale della Cpap, riferisce che l’attivista è scomparso mentre si recava da Karachi ad Islamabad per un viaggio di lavoro. “La famiglia – riporta – ha ricevuto sue notizie fino allo scorso sabato [7 gennaio], ma poi ha perso ogni contatto e il telefono cellulare risulta staccato”.

L’attivista Mona Aurangzeb ritiene che “la sparizione forzata di esponenti del ceto intellettuale del Punjab sia una tendenza allarmante. Lo Stato sta dando l’impressione che non importa chi tu sia: se sollevi la voce o crei problemi, devi pagarne il prezzo”.

Il capo dell’Alleanza è l’ultimo di una serie di misteriose sparizioni. Prima di lui, il 6 gennaio a Islamabad è scomparso Salman Haider, noto poeta che insegna alla Fatima Jinnah Women’s University di Rawalpindi. Due giorni prima a Lahore si sono perse le tracce dei cugini Waqas Goraya e Aasim Saeed, entrambi blogger. Infine il 7 gennaio è scomparso anche il blogger Ahmed Raza Naseer, malato di poliomelite, forse rapito mentre era nel suo negozio di Skeikhupura, vicino Lahore.

La notizia della scomparsa del quinto attivista nel giro di una settimana sta ponendo serie questioni di sicurezza personale e alla libertà di espressione. In un articolo apparso su The Express Tribune, si parla di “Libertà mancanti in Pakistan”. “A questo punto – si legge – assegnare colpe e responsabilità sarebbe prematuro. Tuttavia risulterebbe utile esaminare la storia recente di sparizioni forzate in Pakistan e la mancanza di indignazione pubblica su questo fenomeno orribile”.  E poi si invita “almeno a ragionare in modo intelligente su ciò che queste sparizioni cercano di ottenere e ciò che permette loro di andare avanti con tanta facilità inspiegabile”.






Vedi anche

25/03/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, appello al governo: libertà d’espressione e di movimento per Ruki Fernando
Da oltre un anno l’attivista cattolico non può espatriare né parlare con i media. Nel 2014 era stato arrestato “per terrorismo” per aver difeso un’altra attivista. Un tribunale lo ha rilasciato ma ha imposto un’ordinanza restrittiva.

22/01/2010 CINA
Per le autorità cinesi Gao Zhisheng “si trova dove è giusto che sia”
Il noto avvocato e attivista per i diritti umani è sparito da un anno. Ieri, il ministero cinese degli Esteri ha ammesso e difeso la sua detenzione. L’avvocato: “È una menzogna, la famiglia non ha idea di dove sia”.

09/07/2004 PAKISTAN
Nuova proposta per cambiare la legge sulla blasfemia


30/06/2010 PAKISTAN
Il Pakistan censura Google, Youtube e Yahoo, per contenuti contro l’islam
Secondo le autorità contengono materiale offensivo nei confronti della popolazione e della religione musulmana. I link giudicati contro l’islam verranno bloccati, ma senza disturbare le funzioni dei portali. Sotto accusa anche altri 8 siti minori. Portavoce di Google: “Google e Youtube sono piattaforme per la libera espressione e continueremo a garantire il più possibile l’attuazione delle nostre politiche”.

14/12/2007 PAKISTAN - USA
Vescovi americani: appoggio ai confratelli pakistani, per la fine della crisi
La Conferenza episcopale americana appoggia l’appello dei vescovi pakistani , che chiedono la fine dello stato di emergenza nel Paese, e chiede l’intervento del Dipartimento di Stato Usa per il ripristino della democrazia.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®