Cerca

22 Agosto 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

20/03/2017 VATICANO

Papa: San Giuseppe dia ai giovani “la capacità di sognare, di rischiare”

“E’ l’uomo che non parla ma obbedisce, l’uomo della tenerezza, l’uomo capace di portare avanti le promesse perché divengano salde, sicure”. E’ anche “custode del sogno di Dio”: il sogno di Dio “di salvarci tutti”, della redenzione, viene confidato a lui.

Città del Vaticano (AsiaNews) – San Giuseppe, “l’uomo della tenerezza, l’uomo capace di portare avanti le promesse perché divengano salde”, dia ai giovani “la capacità di sognare, di rischiare e prendere i compiti difficili che hanno visto nei sogni”. L’ha detto papa Francesco nella Messa celebrata stamattina a Casa Santa Marta, parlando della figura di San Giuseppe, la cui solennità è stata spostata ad oggi perché il 19 marzo coincideva con la domenica di Quaresima.

Giuseppe, ha sottolineato Francesco, è un uomo che porta sulle sue spalle promesse di “discendenza, di eredità, di paternità, di filiazione, di stabilità”. “E quest’uomo, questo sognatore è capace di accettare questo compito, questo compito gravoso e che ha tanto da dirci a noi in questo tempo di forte senso di orfanezza. E così questo uomo prende la promessa di Dio e la porta avanti in silenzio con fortezza, la porta avanti perché quello che Dio vuole sia compiuto”.

San Giuseppe è un uomo che “può dirci tante cose, ma non parla”, “l’uomo nascosto”, l’uomo del silenzio, “che ha la più grande autorità in quel momento senza farla vedere”. Le cose che Dio confida al cuore di Giuseppe, ha detto ancora Francesco, sono “cose deboli”: “promesse” e una promessa è debole. E poi anche la nascita del bambino, la fuga in Egitto, situazioni di debolezza. Giuseppe prende nel cuore e porta avanti “tutte queste debolezze” come si portano avanti le debolezze: “con tanta tenerezza”, “con la tenerezza con cui si prende in braccio un bambino”. “E’ l’uomo che non parla ma obbedisce, l’uomo della tenerezza, l’uomo capace di portare avanti le promesse perché divengano salde, sicure; l’uomo che garantisce la stabilità del Regno di Dio, la paternità di Dio, la nostra filiazione come figlio di Dio. Giuseppe mi piace pensarlo come il custode delle debolezze, delle nostre debolezze pure: è capace di far nascere tante cose belle dalle nostre debolezze, dai nostri peccati pure”.

Giuseppe è un uomo “capace di sognare”. E’ quindi anche “custode del sogno di Dio”: il sogno di Dio “di salvarci tutti”, della redenzione, viene confidato a lui. “Grande questo falegname!”: silenzioso, lavora, custodisce, porta avanti le debolezze ed è capace di sognare. Una figura, dunque, che ha un messaggio per tutti. “Io oggi vorrei chiedere, ci dia a tutti noi la capacità di sognare perché quando sogniamo le cose grandi, le cose belle, ci avviciniamo al sogno di Dio, le cose che Dio sogna su di noi. Che ai giovani dia – perché lui era giovane – la capacità di sognare, di rischiare e prendere i compiti difficili che hanno visto nei sogni. E ci dia a tutti noi la fedeltà che generalmente cresce in un atteggiamento giusto, lui era giusto, cresce nel silenzio - poche parole - e cresce nella tenerezza che è capace di custodire le proprie debolezze e quelle degli altri”.

 






Vedi anche

08/09/2015 VATICANO
Papa: “Lo stile di riconciliazione di Dio” è “nel piccolo” e camminando con il suo popolo
Dio per riconciliare non fa “una grande assemblea”, non firma “un documento”. Dio è onnipotente e grande, ma ci “insegna a fare la grande opera della pacificazione e della riconciliazione nel piccolo, nel cammino, nel non perdere la speranza con quella capacità di sognare dei grandi sogni, dei grandi orizzonti”.

26/05/2016 20:59:00 VATICANO
Papa: “fare” l’Eucaristia con Gesù e spezzare il pane e la propria vita, per “dare da mangiare” ai fratelli

Francesco ha celebrato il Corpus Domini a san Giovanni in Laterano. “. Quante mamme, quanti papà, insieme con il pane quotidiano, tagliato sulla mensa di casa, hanno spezzato il loro cuore per far crescere i figli, e farli crescere bene! Quanti cristiani, come cittadini responsabili, hanno spezzato la propria vita per difendere la dignità di tutti, specialmente dei più poveri, emarginati e discriminati!”.

 



07/07/2014 VATICANO
Papa: nella Chiesa "non c'è posto" per coloro che commettono abusi sessuali
A un gruppo di vittime di abusi, Francesco ribadisce la "tolleranza zero" nei confronti di chi commette qualcosa di "più che atti deprecabili". "E' come un culto sacrilego, perché questi bambini e bambine erano stati affidati al carisma sacerdotale, per condurli a Dio". "Dio mi conceda il coraggio di seguire questa strada per il bene dei bambini".

17/06/2015 VATICANO
Papa: “chieder perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta” ai rifugiati
L’enciclica sul creato “che si pone nella linea della dottrina sociale della Chiesa”, è “un appello alla responsabilità in base al compito che Dio ha dato all’essere umano”. “Il lavoro dell’amore di Dio è più forte del lavoro della morte” ci protegga “dalla visione nichilista della morte, come pure dalle false consolazioni del mondo”. Se ci lasciamo sostenere dalla fede “l’esperienza del lutto può generare una più forte solidarietà dei legami famigliari, una nuova apertura al dolore delle altre famiglie, una nuova fraternità con le famiglie che nascono e rinascono nella speranza”.

14/06/2015 VATICANO
Papa: enciclica sul creato faccia crescere “responsabilità verso la casa comune che Dio ci ha affidato”
Per entrare a far parte del Regno di Dio “bisogna essere poveri nel cuore; non confidare nelle proprie capacità, ma nella potenza dell’amore di Dio; non agire per essere importanti agli occhi del mondo, ma preziosi agli occhi di Dio, che predilige i semplici e gli umili”. “Specialmente i giovani” seguano l’esempio dei donatori di sangue.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®