Cerca

17 Gennaio 2018

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

12/01/2018 VATICANO

Papa: la preghiera nasce dalla fede ed è ‘coraggio’

Ci vuole coraggio per “arrivare al Signore” e coraggio per “sfidare il Signore” come il lebbroso che disse a Gesù: “Se tu vuoi puoi guarirmi”. “Il Signore ci ha detto: ‘Chiedete e vi sarà dato’. Prendiamo anche questa Parola e abbiamo fiducia, ma sempre con fede e mettendoci in gioco. Questo è il coraggio che ha la preghiera cristiana. Se una preghiera non è coraggiosa non è cristiana”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – La preghiera cristiana è “coraggio”: nasce dalla fede e vuole coraggio per “arrivare al Signore” e coraggio per “sfidare il Signore”. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, a proposito del Vangelo di Marco che ieri e oggi racconta di due guarigioni: quella del lebbroso e del paralitico.

Entrambi, ha evidenziato Francesco, pregano per ottenere, entrambi lo fanno con fede: il lebbroso sfida anche Gesù con coraggio, dicendo:  “Se vuoi puoi purificarmi!”. E la risposta del Signore è immediata: "Lo voglio". Tutto è dunque , come insegna il Vangelo, "possibile a chi crede". “Sempre, quando ci avviciniamo al Signore per chiedere qualcosa, si deve partire dalla fede e farlo nella fede: ‘Io ho fede che tu puoi guarirmi, io credo che tu puoi fare questo’ e avere il coraggio di sfidarlo, come questo lebbroso di ieri, quest’uomo di oggi, questo paralitico di oggi. La preghiera nella fede”.

Il Papa ha quindi detto che il Vangelo porta a interrogarci sul nostro modo di pregare. Non va fatto, ha affermato Francesco, come "pappagalli" e senza" interesse" in quello che chiediamo, semmai supplichiamo il Signore di "aiutare la nostra poca fede" anche davanti alle difficoltà. Sono tanti infatti gli episodi del Vangelo in cui avvicinarsi al Signore è difficile per chi è nel bisogno e questo serve da esempio a ciascuno di noi.  Il paralitico, nell'odierno Vangelo di Marco viene addirittura calato dal tetto perchè la sua barella raggiunga il Signore che sta predicando tra l'immensa folla. "La volontà fa trovare una soluzione", fa "andare oltre le difficoltà".

“Coraggio per lottare per arrivare al Signore. Coraggio per avere fede, all’inizio: ‘Se tu vuoi puoi guarirmi. Se tu vuoi, io credo’. E coraggio per avvicinarmi al Signore, quando ci sono delle difficoltà. Quel coraggio… Tante volte, ci vuole pazienza e saper aspettare i tempi ma non mollare, andare sempre avanti. Ma se io con fede mi avvicino al Signore e dico: ‘Ma se tu vuoi, puoi darmi questa grazia’, e poi ma… siccome la grazia dopo tre giorni non è arrivata, un’altra cosa… e mi dimentico”. Invece, ha indicato Francesco, santa Monica, madre di Agostino, ha pregato e "ha pianto tanto", per la conversione di suo figlio, ed è riuscita ad ottenerla: è tra i tanti santi che hanno avuto grande coraggio nella loro fede. Coraggio "per sfidare il Signore", coraggio per "mettersi in gioco", anche se non si ottiene subito ciò che si chiede, perchè nella "preghiera si gioca forte" e "se la preghiera non è coraggiosa non è cristiana".

“La preghiera cristiana – la conclusione del Papa - nasce dalla fede in Gesù e va sempre con la fede oltre le difficoltà. Una frase per portarla oggi nel nostro cuore ci aiuterà, dal nostro padre Abramo, al quale è stata promessa l’eredità, cioè di avere un figlio a 100 anni. Dice l’apostolo Paolo: ‘Credette’ e con questo fu giustificato. La fede e ‘si mise in cammino’: fede e fare di tutto per arrivare a quella grazia che sto chiedendo. Il Signore ci ha detto: ‘Chiedete e vi sarà dato’. Prendiamo anche questa Parola e abbiamo fiducia, ma sempre con fede e mettendoci in gioco. Questo è il coraggio che ha la preghiera cristiana. Se una preghiera non è coraggiosa non è cristiana”.

 






Vedi anche

07/04/2013 VATICANO
Papa: non avere paura di essere cristiani e di vivere da cristiani
Nella domenica della Divina Misericordia, Francesco dice che Gesù è venuto a portare la "vera pace, quella profonda", che "viene dal fare esperienza della misericordia di Dio". E' "il dono" che lascia ai suoi discepoli. La "beatitudine della fede" di coloro che credono "senza aver visto".

14/02/2017 11:54:00 VATICANO
Papa: coraggio, preghiera e umiltà sono i tratti dei “veri missionari”, come Cirillo e Metodio

“La Parola di Dio deve essere annunciata con questa franchezza, con questa forza … con coraggio. La persona che non ha coraggio – coraggio spirituale, coraggio nel cuore, che non è innamorata di Gesù, e da lì viene il coraggio! – no, dirà, sì, qualcosa di interessante, qualcosa di morale, qualcosa che farà bene, un bene filantropico, ma non c’è la Parola di Dio”.



28/04/2013 VATICANO
Papa: Lo Spirito Santo, anche attraverso di noi, vuole trasformare il mondo in cui viviamo
Francesco conferisce la cresima a 44 giovani da tutto il mondo, un appuntamento nell'Anno della Fede. "La novità di Dio non assomiglia alle novità mondane, che sono tutte provvisorie, passano e se ne ricerca sempre di più. La novità che Dio dona alla nostra vita è definitiva". Cristo ci dà "il coraggio di andare controcorrente" e vince la paura. "Con Lui possiamo fare cose grandi". "Giocate la vita per i grandi ideali!". Al Regina Caeli un appello per la tragedia del Bangladesh, perché nel lavoro sia sempre "tutelata la dignità e la sicurezza del lavoratore".

29/06/2015 VATICANO
Papa ai nuovi arcivescovi metropoliti: La Chiesa vi vuole uomini di fede, di preghiera, di testimonianza
Nella solennità di san Pietro e Paolo, papa Francesco benedice il pallio per 46 arcivescovi metropoliti nominati in questo anno. Fra questi vi sono sei arcivescovi asiatici. Il pallio verrà imposto dai nunzi nei Paesi di provenienza. Presente la delegazione ortodossa inviata da Bartolomeo I, Patriarca ecumenico di Costantinopoli. Gli apostoli e le prime comunità cristiane hanno avuto “il coraggio di portare avanti l’opera di evangelizzazione, senza timore della morte e del martirio, nel contesto sociale di un impero pagano”. Nella storia molte forze interne ed esterne “cercano di annientare la Chiesa, ma vengono tutte annientate e la Chiesa rimane viva e feconda”. “La Chiesa non è dei Papi, dei vescovi, dei preti e neppure dei fedeli, è solo e soltanto di Cristo”. “Una Chiesa o un cristiano senza testimonianza è sterile; un morto che pensa di essere vivo; un albero secco che non dà frutto; un pozzo arido che non dà acqua! La Chiesa ha vinto il male grazie alla testimonianza coraggiosa, concreta e umile dei suoi figli”.

31/05/2016 11:13:00 VATICANO
Papa: “come cambierebbe il mondo” se imparassimo a servire e andare incontro agli altri

“Cosa brutta i cristiani con la faccia storta, i cristiani tristi. Cosa brutta, brutta, brutta. Ma non sono pienamente cristiani. Credono di esserlo, ma non lo sono pienamente”. “Coraggio di donna. Le donne coraggiose che ci sono nella Chiesa: sono come la Madonna”. “Coraggiose: si alzano e servono”.




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®