Cerca

14 Dicembre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

12/08/2017 LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO

Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.

Dimane (AsiaNews) - “Sperando contro ogni speranza” e rimettendosi nelle mani della “giustizia di Dio”: con questa coscienza il Consiglio dei patriarchi cattolici d’oriente ha pubblicato ieri il comunicato finale della sua sessione annuale (10-11 agosto 2017), tenutosi a Dimane (nord del Libano), sede estiva del patriarcato maronita.

Non senza tristezza, i patriarchi rimproverano la comunità internazionale di assistere allo spegnersi - a causa dell’insicurezza e dell’emigrazione - l’una dopo l’altra le Chiese orientali in Iraq, Siria, ma anche in Palestina, Libano e perfino in Egitto, senza che la loro reazione sia all’altezza della tragedia. Essi avvertono che se questo stato di cose continuerà, si tratterà di un vero “progetto di genocidio” e di un “affronto contro l’umanità”.

Il loro messaggio coincide con la pubblicazione di cifre eloquenti sulla diminuzione dei cristiani nei vari Paesi del Medio oriente, in particolare in Iraq, Siria e terra santa. In quest’ultimo spazio condiviso dal punto geografico fra Israele e i Territori occupati, i cristiani rappresentano solo l’1,2% della popolazione; in Siria, per il fatto della guerra scoppiata nel 2011, il loro numero è in caduta da 250mila a 100mila, secondo statistiche recenti. E intanto anche il patriarca dei caldei fa fatica a convincere i cristiani della Piana di Ninive a riguadagnare il suolo natale, riconquistato a Daesh.

In un “appello generale” un po’ confuso, forse per essere stato scritto a più mani, dove la speranza di mescola alle grida e ai lamenti, i patriarchi affermano: “È tempo di lanciare un appello profetico a testimonianza della verità… siamo invitati a restare attaccati alla nostra identità orientale e a restare fedeli alla nostra missione. Assumendo la cura del piccolo gregge, noi patriarchi orientali siamo afflitti nell’assistere all’emorragia umana dei cristiani che abbandonano le loro terre natali in Medio oriente”.

“Gli oppressori che agiscono in piena cognizione di causa, gli insensati che abusano del nostro pacifismo, sappiano che la giustizia di Dio avrà l’ultima parola. Ai nostri fedeli, diciamo che ormai noi somigliamo al lievito nella pasta, alla luce che brilla in un mondo assetato dello Spirito vivificante. Restiamo radicati nella terra dei padri e degli antenati, sperando contro ogni speranza in un avvenire in cui, come componenti di un patrimonio autentico e specifico, saremo compresi come delle fonti di arricchimento per le nostre società e per la Chiesa universale in Oriente e in Occidente”.

“Dobbiamo rimanere attaccati alla proclamazione della verità nella carità, e a proclamare con coraggio la legittimità della separazione fra Stato e religione nella costituzione delle nostre patrie, e dell’uguaglianza di tutti per diritti e doveri, senza badare all’appartenenza religiosa o comunitaria. Si tratta di una condizione sine qua non perché vengano rassicurati i cristiani e gli altri piccoli componenti nazionali”.

Appello alla comunità internazionale

“Alle Nazioni Unite e ai Paesi interessati in modo diretto dalla guerra in Sira, Iraq e Palestina [Russia, Stati Uniti, Iran, Qatar, Turchia, Arabia saudita - ndr] noi domandiamo di fermare le guerre, i cui obbiettivi sono ormai chiari: distruggere, uccidere, spingere all’esodo, rilanciare le organizzazioni terroriste, diffondere lo spirito d’intolleranza e di conflitto fra le religioni e le culture. Il prosieguo di questa situazione e l’incapacità a stabilire una pace giusta, globale e duratura nella regione, assicurando il ritorno dei rifugiati e degli sfollati al loro focolare nella dignità e nella giustizia, rimarrà come uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.

Appello a papa Francesco

“Al successore di Pietro, diciamo che siamo pronti a rispondere all’appello per la santità, seguendo il Salvatore sul cammino della Passione. Ma ricordiamo pure che noi rappresentiamo delle Chiese fiorite in terra d’Oriente fin dall’epoca apostolica... e la cui esistenza è in reale pericolo”.

“Abbiamo tutti partecipato a conferenze, seminari, fatto incontri; abbiamo cercato di trasmettere al mondo la bruttura della sorte inflitta al popolo cristiano. Ma non siamo una “nazione” con larghe frontiere, o che attiri l’attenzione dei giganti della finanza; noi siamo ormai un ‘piccolo gregge’ pacifico! Un piccolo gregge che non conta su nessun altro che voi per invitare i grandi che presidiano ai destini del mondo, che continuano a spingere all’esodo i cristiani del Medio oriente e, senza dubbio, a un progetto di genocidio, una catastrofe umana, come pure uno scacco alla civiltà e un affronto a tutta l’umanità”.

In Libano scuole a rischio chiusura

In altra parte, il comunicato registra la sequenza ecumenica tradizionale, tenutasi al primo giorno, con la presenza dei patriarchi orientali ortodossi e la visita al capo di Stato. Come è ovvio, i patriarchi ortodossi orientali condividono le stesse preoccupazioni e sono di fronte alle stesse sfide.

Il comunicato esprime anche l’inquietudine del Segretariato delle scuole cattoliche del Libano (che accolgono il 70% della popolazione scolastica), di fronte all’approvazione della nuova griglia salariale di cui beneficiano gli insegnanti e che andrà a gonfiare almeno del 20% i costi del funzionamento. Il segretariato prevede che numerose scuole gratuite, sovvenzionate dallo Stato, specie in provincia e nel mondo rurale, saranno incapaci di far fronte agli aumenti e dovranno chiudere. Essi hanno dunque espresso la loro preoccupazione nel vedere “centinaia” di insegnanti lasciati disoccupati e domandano allo Stato libanese di supplire agli aumenti generati.

Il comunicato non ha mancato di presentare il Libano come un modello democratico, che tutti i Paesi arabi dovrebbero imitare, a causa del principio della separazione fra lo Stato e la religione; ed ha infine domandato il ritorno degli sfollati [siriani e palestinesi - ndr] accolti dal Libano e divenuti “un pesante fardello e una minaccia per la sicurezza politica, economica e sociale” del Paese.

Il nunzio e lo Stato islamico

Il nunzio in Libano, mons. Gabriele Caccia, è intervenuto il primo giorno per assicurare l’attenzione del papa e della Chiesa universale verso le Chiese d’oriente, come testimonia il Sinodo del 2010 e la seguente esortazione apostolica “Ecclesia in Medio oriente”, promulgata da Benedetto XVI proprio in Libano nel 2012.

Egli ha fatto notare che dopo le “primavere arabe”, è sorto il cosiddetto “Stato islamico”, “una novità nella storia della regione. L’intenzione era forse di dare un ruolo regionale più marcato a un’organizzazione musulmana internazionale.  Ma la sua durata al potere è stata molto ridotta, facendo ritornare la situazione al punto di partenza, non senza tensioni interne e internazionali”. “Si comincia - ha concluso il nunzio - a vedere una bozza di soluzione negoziata e politica della questione, sostenuta dalle grandi potenze, in particolare la Russia e gli americani. Speriamo che essa possa ricondurre alla pace, alla giustizia e alla stabilità”.

Fra i partecipanti al raduno vi sono: i patriarchi cattolici Béchara-Raï (maroniti); Ignace Youssef Younan III (siro-cattolici); Joseph Absi (greco-melchiti cattolici); Ibrahim Isaac Sidrak (patriarca emerito copto cattolico, presidente del consiglio dei patriarchi e vescovi cattolici d’Egitto); Louis Raphaël I Sako (caldeo); Gregorio Bédros XX (armeno cattolico);  William Shomali (rappresentante di mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme).

Fra i capi religiosi presenti alla sessione ecumenica: patriarca Youhanna X (greco-ortodosso); patriarca Ignatius Ephrem II (Siro-ortodosso); Catholicos Aram I ( armeno ortodosso);  Salim Sahyouni (presidente della Comunità evangelica in Siria e Libano).






Vedi anche

28/08/2014 LIBANO - MEDIO ORIENTE
Persecuzioni anti-cristiane: patriarchi d’Oriente uniti contro il silenzio arabo e internazionale

Riuniti in Libano, i vertici delle Chiese orientali hanno auspicato un intervento deciso del mondo islamico contro le violenze. La comunità internazionale deve “agire e sradicare” le milizie fondamentaliste e garantire sicurezza e convivenza pacifica. La presenza cristiana in Medio oriente garanzia di “convivenza fra culture”.

28/01/2015 LIBANO-MEDIO ORIENTE
Patriarchi dell'Oriente: Per la pace occorre fermare il terrorismo, aiutare i profughi, risolvere il problema israelo-palestinese
Un incontro ecumenico a Bkerke per affrontare le difficoltà in cui versano le comunità cristiane. Presenti i rappresentanti di diverse confessioni cattoliche, ortodosse, armene, protestanti. Appello alla comunità araba e a quella internazionale perché non finanzino e armino i terroristi. Incrementare gli aiuti ai profughi e affrettare il ritorno alle loro case. Urgente l'elezione di un presidente per il Libano.

02/07/2014 LIBANO
Chiese orientali: i cristiani arabi siano "guide alla cittadinanza"
Alla sfida posta dalla crisi dei confini coloniali e del modello occidentale di democrazia, sostituito da uno nel quale la cultura e/o la religione è vissuta come un paradiso perduto, le Chiese antiochene rispondano promuovendo e proponendo a sunniti e sciiti il concetto di cittadinanza.

02/01/2011 VATICANO-EGITTO-IRAQ
Papa: Gli attentati in Egitto e in Iraq sono un’offesa a Dio e all’umanità
Benedetto esprime il suo dolore per l’uccisione dei fedeli copti ad Alessandria d’Egitto e per le bombe contro le case dei cristiani a Baghdad. Una “strategia di violenze che ha di mira i cristiani”. Il papa chiede che la risposta dei cristiani sia non violenta. Un messaggio per la Chiesa spagnola radunata a Madrid per “La famiglia cristiana, speranza per l’Europa”.

18/09/2009 VATICANO-MEDIO ORIENTE
Il futuro della Chiesa in Medio Oriente nell’incontro dei patriarchi col Papa
La crescita del fondamentalismo in Medio Oriente e l’inquietudine dei cristiani, l’importanza del dialogo islamo-cristiano, lo statuto del patriarca cattolico orientale nella Chiesa universale e la giurisdizione ecclesiastica in Kuwait e nei Paesi del Golfo i temi portati domani all’udienza dai capi dei sette riti cattolici della regione.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®