Cerca

16 Dicembre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

11/01/2017 FILIPPINE

Presidente Duterte annuncia il “Mese nazionale della Bibbia”

I vescovi: “La ringraziamo per aver attribuito il giusto riconoscimento alla religiosità del suo popolo e all’importanza delle Sacre Scritture per migliorare la sua nazione”.

Manila (AsiaNews) – Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha dichiarato che gennaio sarà il “Mese nazionale della Bibbia”. In una dichiarazione, firmata il 5 gennaio, egli afferma che “lo Stato riconosce la natura religiosa del popolo filippino e l’esaltante influenza della religione nella società umana. E’ giusto e appropriato che l’attenzione nazionale sia focalizzata sull’importanza di leggere e studiare la Bibbia, per plasmare la fibra spirituale, morale e sociale della cittadinanza”. La firma del documento – secondo Duterte – rappresenta l’obbligo costituzionale di promuovere valori etici e spirituali dei cittadini e aiutarli a migliorare la loro moralità.

Nonostante in passato Duterte abbia raccomandato al popolo di non affidarsi alle religioni, soprattutto a quella cattolica, la Chiesa ha accolto di buon grado la dichiarazione del presidente. 
Mons. Ruperto Santos di Balanga ha considerato il gesto “encomiabile e d’ispirazione” mentre mons. Robert Mallari Di San Jose ha affermato: “Ringraziamo il presidente per aver attribuito il giusto riconoscimento alla religiosità del suo popolo e all’importanza delle Sacre Scritture per migliorare la sua nazione”. Mons. Gerardo Alminaza di San Carlos ha definito la dichiarazione come un’“opportunità d’oro” per le parrocchie di “lavorare insieme” alle unità di governo nel corso dell’osservanza dell’anno parrocchiale 2017.

 






Vedi anche

14/11/2017 14:48:00 FILIPPINE
Manila, l’impegno dell’Asean per la tutela dei lavoratori migranti

Trattamento equo, diritti familiari e documenti al centro di un accordo siglato. Mons. Ruperto Cruz Santos: “Iniziativa amorevole ed utile”. L’intesa “fulcro” della presidenza filippina al blocco Asean. Malesia, Singapore e Thailandia i centri migratori con 6,5 milioni di immigrati, il 96% del totale. Nel 2015, circa 52,8 miliardi di euro inviati dai lavoratori verso i Paesi di appartenenza.



08/01/2016 FILIPPINE
Vescovo filippino: Rimpatriate i lavoratori migranti in Arabia Saudita e Iran
Preoccupa l’escalation di tensione in Medio Oriente e le frizioni fra Riyadh e Teheran. Mons. Santos, presidente della Commissione per la cura dei migranti: “Dobbiamo garantire la sicurezza dei nostri lavoratori all’estero ed essere pronti a rimpatriarli, offrendo un lavoro nelle Filippine”. Soddisfazione e gioia per l’amnistia concessa dal Qatar a 10 filippini incarcerati.

01/03/2016 10:41:00 FILIPPINE – KUWAIT
Vescovo di Balanga: Grazie alla Chiesa, migliora la situazione dei filippini in Kuwait

Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti conferma ad AsiaNews la “parziale amnistia” concessa dall’emirato: “Invitiamo i nostri connazionali a fare di tutto per mettersi in regola, è importante essere sempre nella legalità”. I lavoratori filippini all’estero sono circa 10 milioni, quasi due soltanto nei Paesi del Golfo: “Sono missionari ed evangelizzatori, il governo li deve difendere”.



24/06/2016 11:30:00 FILIPPINE
La tratta di esseri umani “è il più crudele dei crimini. Ma non va punito con il patibolo”

Il presidente della Commissione episcopale filippina per i migranti e gli itineranti, mons. Ruperto Santos, risponde al nuovo governo che vuole includere il traffico di uomini nella lista dei reati punibili con la morte. Il traffico “è un atto barbarico che viola la natura stessa dell’uomo. Ma lo si combatte con indagini serie e punizioni severe, fino all’ergastolo. Nessun uomo può uccidere un altro uomo in nome della legge”.



04/08/2015 FILIPPINE – INDONESIA
Vescovo filippino: Mary Jane Veloso è innocente, venga punito chi l’ha sfruttata
La donna filippina è in carcere in Indonesia, condannata per traffico di droga. Su di lei pende ancora la condanna a morte. Il presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti ad AsiaNews: “L’hanno usata e depredata della sua innocenza. Pregheremo per lei e accudiremo i suoi figli. Siamo fiduciosi che la condanna verrà sospesa”.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®