Cerca

22 Agosto 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/01/2017 CINA

Professore cinese licenziato per aver criticato online Mao Zedong

Il “Presidente” accusato di aver provocato la morte di milioni si persone. A decine si sono radunati attorno all’università per protestare contro il professore. Il comitato universitario del Partito: “Affermazioni false”.

Pechino (AsiaNews) – Il professore Deng Xiaochao è stato licenziato dopo aver criticato Mao Zedong sul social network cinese Weibo, in occasione del 123mo anniversario della nascita del leader.

Mao, morto all’età di 73 anni il 9 settembre 1976, è ancora ufficialmente venerato dal Partito comunista cinese (Pcc) e la figura del leader è ancora stimata dal popolo, ma è oggi una figura controversa.

Deng, 62 anni, è un professore d’arte presso la Shandong Jianzhu University, nella Cina centrale. In un post datato 26 dicembre, critica Mao per essere stato responsabile della carestia che ha causato tre milioni di morti e della Rivoluzione culturale, durante la quale sono morte due milioni di persone.

Senza riferirsi a nessuno in particolare, Deng aveva scritto: “Essere a capo di un impero richiede abilità, devi cambiare le tue vesti gialle in capi logori e rattoppati, cambiare l’unzione nella celebrazione di un neonato, trasformare concubine in soldatesse da intrattenimento. Devi chiamare regnanti per diritto compagni rivoluzionari e trasformare l’editto imperiale in un supremo regolamento. Ma non farlo con troppa onestà.”

La critica è stata giudicata in modo aspro dai sostenitori di Mao, che nonostante le pesanti restrizioni sulle manifestazioni, si sono recati a decine davanti all’università urlando slogan e brandendo cartelli contro il professore. Anche il comitato universitario del Pcc ha affermato che il prof. Deng ha fatto “false affermazioni”.

La storia moderna è un argomento molto sensibile in Cina, tanto che il Partito si riserva il potere sulla rivendicazione dei suoi traguardi.

 






Vedi anche

19/12/2015 CINA
Shandong, pregavano in privato: cinque studenti cristiani espulsi dall’università
I ragazzi erano riuniti in una stanza chiusa dello Shandong Yingcai College: qualcuno li ha fotografati e denunciati alla polizia. Il Dipartimento provinciale per l’Istruzione ha proibito “incontri religiosi” che coinvolgano “tre o più studenti”. Aumenta il controllo statale sulle religioni.

09/06/2009 CINA
E’ quasi un’eroina la giovane che uccise il funzionario cinese che voleva violentarla
Deng Yujiao, 21 anni, ha rifiutato le prestazioni sessuali chieste da un importante funzionario. Lui l’ha assalita e lei si è difesa e la ucciso. Ora internet è intasata da messaggi di solidarietà verso l’umile cittadina che ha reagito alla violenza del notabile del partito.

17/06/2009 CINA
Libera, ma “colpevole” la ragazza che ha ucciso il quadro comunista che voleva stuprarla
Secondo i giudici essa avrebbe usato “forza eccessiva” mentre tentavano di farle violenza. La sentenza cerca di piacere alle alte autorità e all’opinione pubblica che vede la ragazza come un’eorina.

15/05/2009 CINA
Le memorie di Zhao Ziyang rivelano fatti “segreti” del massacro di Tiananmen
Zhao racconta come i “duri” del Partito hanno sfruttato la paranoia del leader Deng Xiaoping per impedire il dialogo con gli studenti e arrivare all’intervento dell’esercito. Silenzio imbarazzato di Pechino.

10/12/2012 CINA
Xi Jinping nel Guangdong, la polizia spezza con la violenza le proteste
Il nuovo leader comunista ricalca le orme di Deng Xiaoping e va nel sud del Paese per spronare gli industriali a “affrontare le complicate sfide accelerando le riforme economiche”. Ma gli operai che sfruttano la sua visita per protestare vengono picchiati e arrestati dagli agenti di pubblica sicurezza.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®