Cerca

24 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/10/2017 SIRIA

Raqqa, l’alleanza arabo-curda apre la 'settimana finale' contro l’Isis

La capitale del Califfato in Siria è sull’orlo del collasso. I miliziani usano i civili come scudi umani e un ospedale come base militare. La coalizione ha strappato circa il 90% della città allo SI. Decine di migliaia di abitanti hanno abbandonato l’area; molti altri restano ancora intrappolati dai combattimenti.

 

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - L’alleanza arabo-curda impegnata nell’offensiva contro lo Stato islamico (SI, ex Isis), e sostenuta dai raid aerei degli Stati Uniti, è entrata nella “settimana finale” dell’assalto che porterà alla liberazione di Raqqa, un tempo bastione jihadista in Siria. Fonti locali riferiscono che la capitale del cosiddetto “Califfato” è sull’orlo del collasso e i miliziani usano i civili come scudi umani.

Una eventuale sconfitta sarebbe un ulteriore colpo inferto al gruppo estremista, che al momento della massima estensione era giunto a controllare quasi la metà dei territori di Siria e Iraq.

Conquistata nel 2014, la città del nord è stata a lungo la capitale di fatto dei jihadisti del Califfo Abu Bakr al-Baghdadi; l’inizio dell’offensiva delle Forze democratiche siriane (Fds), alleanza arabo-curda sostenuta dagli attacchi dal cielo dell’aviazione Usa, ha inferto le prime pesanti sconfitte alle truppe dello Stato islamico.

Dal giugno scorso, quando i primi reparti hanno fatto il loro ingresso in città, le forze dell’alleanza hanno riconquistato circa il 90% di Raqqa. Rojda Felat, responsabile della campagna “Ira dell’Eufrate”, sottolinea che al momento è in atto l’offensiva finale da nord e da est, verso gli ultimi distretti ancora sotto il controllo jihadista. I combattimenti, aggiunge, sono ancora intensi sulla linea del fronte; i jihadisti usano cecchini, attentatori suicida e sfruttano i tunnel per fermare l’avanzata dell’alleanza arabo-curda.

Ancora oggi l’Isis controlla l’ospedale nazionale di Raqqa, il vicino stadio di calcio e i quartieri limitrofi. Fra questi anche la famigerata rotatoria di Al-Naim, dove i boia del Califfato hanno perpetrato a lungo decapitazioni e crocifissioni.

Fonti locali riferiscono che l’Isis starebbe usando i civili come scudi umani, in particolare all’interno dell’ospedale che rappresenta - a oggi - l’obiettivo numero uno da riconquistare per l’alleanza arabo-curda. Una mossa che complica di molto le operazioni militari e la strategia di attacco della coalizione.

Il colonnello Ryan Dillon, portavoce dell’esercito Usa, conferma che i jihadisti usano l’ospedale come base militare e il nosocomio è “altamente fortificato”.

Decine di migliaia di civili hanno abbandonato Raqqa e le aree circostanti dall’inizio dell’offensiva. Tuttavia, molti altri restano ancora oggi intrappolati per i pesanti combattimenti. In caso di sconfitta, alle milizie jihadiste non resterebbero che alcuni isolati territori lungo la valle dell’Eufrate fra Siria e Iraq dove a giugno hanno perso il controllo di Mosul e la scorsa settimana di Hawija.






Vedi anche

17/10/2017 08:59:00 SIRIA
Raqqa, la coalizione arabo-curda strappa all’Isis la piazza usata per le esecuzioni

Corpi decapitati e crocifissi restavano per giorni appesi a pali o lampioni. Continua l’offensiva delle Forze democratiche siriane (Fsd) nella “capitale” del Califfato. Al momento i jihadisti controllano ancora il 10% del territorio, fra cui il principale ospedale e lo stadio. La struttura è usata come carcere e deposito di armi. Per la coalizione è una cattura dell’alto valore simbolico. 

 



23/10/2017 08:55:00 SIRIA - RUSSIA - USA
Mosca: La campagna Usa contro l’Isis ha cancellato Raqqa ‘dalla faccia della terra’

La città siriana avrebbe subito la stessa sorte di Dresda alla fine della Seconda guerra mondiale. Indagine Onu parla di “perdita sconvolgente” di vite umane fra i civili. Washington replica: minimizzato il rischio di danni collaterali. Almeno 270mila le persone sfollate, serviranno mesi per il loro rientro. 

 



03/01/2017 08:50:00 SIRIA
Siria: a rischio la “fragile” tregua, i ribelli pronti a boicottare i colloqui di pace

Il fronte anti-Assad minaccia di sospendere la partecipazione ai preparativi dei colloqui. Le milizie ribelli parlano di “molte e gravi violazioni” al cessate il fuoco. Accuse respinte dai governativi che dicono di rispettare tutti i punti dell’accordo. Fra le aree contese il bastione ribelle di Wadi Barada, essenziale per il rifornimento idrico di Damasco.

 



31/12/2016 08:59:00 SIRIA-VATICANO
Card. Zenari: la tregua un passo “positivo” che porta “sollievo”. A Damasco emergenza acqua

Il nunzio apostolico mostra cauto ottimismo per il cessate il fuoco raggiunto da governo e ribelli, con la mediazione di Russia e Turchia. Lo “scopo immediato” è favorire “la distribuzione di aiuti umanitari”. Necessario inoltre “rilanciare il tavolo dei negoziati”. “Grande partecipazione” dei cristiani alle celebrazioni per il Natale, una festa nazionale in Siria.



10/01/2017 11:03:00 SIRIA
Caritas, a Damasco emergenza idrica: milioni di abitanti senza acqua

Nella capitale sembra di essere tornati “all’età della pietra” senza elettricità, gas e acqua potabile. Esercito governativo e ribelli si contendono il controllo della riserva di Wadi Barada, che rifornisce il 70% della città. I cittadini in fila per ore per fare scorte. Bambini ricoverati per eruzioni cutanee dovute all’uso di acqua contaminata.

 




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®