Cerca

24 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/10/2017 UE - MYANMAR

Rohingya, Bruxelles condanna l’esercito birmano e prepara sanzioni mirate

La diplomazia europea esprime “grande preoccupazione” anche per le minoranze Kachin e Shan. Confermato il sostegno dei 28 Stati membri dell’Unione all’embargo ad armi ed equipaggiamenti. Bruxelles riconosce la poca influenza di Aung San Suu Kyi sul potente Tatmadaw.

Bruxelles (AsiaNews/Agenzie) – L’Unione europea (Ue) propone di ridurre i contatti con le gerarchie militari birmane, in risposta alla contro-offensiva in Rakhine che ha costretto alla fuga oltre 500mila musulmani Rohingya. È quanto riferisce l’agenzia Reuters, citando la bozza di un documento che dovrebbe esser reso pubblico dai ministri degli Esteri europei il prossimo 16 ottobre, al termine degli incontri sulla crisi in Myanmar.

Gli Usa e l’Ue stanno prendendo in considerazione sanzioni mirate contro i leader militari birmani, sebbene il blocco europeo ritenga le proprie opzioni alquanto limitate, per mancanza di influenza e leva diretta sul terreno. Secondo Reuters, il progetto di dichiarazione congiunta conferma il sostegno dei 28 Stati membri dell’Unione all’embargo, già disposto da Bruxelles, verso armi ed equipaggiamenti “che possono essere utilizzati per la repressione interna”.

Il documento ribadisce l’invito al governo birmano per il rimpatrio dei profughi, fuggiti nel confinante Bangladesh, ed esprime apprezzamento per il ruolo svolto da Dhaka nell’affrontare la crisi umanitaria. La situazione in Rakhine viene definita “estremamente seria” e, per la prima volta dall’inizio dell’ultimo conflitto, la diplomazia europea esprime “grande preoccupazione” anche per la situazione delle minoranze etniche Kachin e Shan, a forte presenza cristiana.

Analisti affermano che con tale dichiarazione Bruxelles riconosce la poca influenza che la leader democratica birmana Aung San Suu Kyi può esercitare sul potente esercito birmano. La mossa di punire i vertici militari sarebbe simbolica, poiché l’Occidente non intende danneggiare l’economia del Paese o destabilizzare i già tesi rapporti tra la Signora ed i generali.






Vedi anche

13/10/2017 13:26:00 MYANMAR
Rohingya, Aung San Suu Kyi ed il card. Bo per l’unità e lo sviluppo del Rakhine

Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. Il card. Charles Maung Bo sostiene gli sforzi della leader democratica. Migliaia di persone alla manifestazione interreligiosa voluta dalla Signora.



04/10/2017 11:53:00 MYANMAR
Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi

La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.



03/10/2017 15:47:00 MYANMAR
Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar

La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.



15/09/2017 12:18:00 PAKISTAN-MYANMAR
Lahore, una Ong cattolica parte per soccorrere i Rohingya in difficoltà

La missione di 10 giorni prevede la distribuzione di beni per 100 famiglie. La necessità di aiutare i “fratelli musulmani”. I profughi sono “persone come tutte le altre, amanti della pace, che sono finite schiacciate fra gruppi rivali”.



26/01/2017 10:39:00 MYANMAR
Arrestati e sotto processo i due cristiani Kachin sequestrati dall’esercito birmano

Dumdaw Nawng Lat e Langjaw Gam Seng, della Kachin Baptist Convention (Kbc), sono indagati per “associazione illegale”. Essi avrebbero operato a favore di associazioni “fuorilegge”. "Colpevoli" di aver diffuso le foto di una chiesa cattolica bombardata. Rischiano fino a cinque anni di prigione. Attivisti e associazioni accusano la mancata tutela legale dei due. 

 




Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®