Cerca

21 Settembre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

13/09/2017 SINGAPORE

Singapore, Halimah Yacob è la prima donna presidente

La corsa alla presidenza era riservata ai soli candidati di etnia malese. A Singapore, il presidente ha poteri di veto su nomine ed economia.

Singapore (AsiaNews/Agenzie) – Unica candidata alle elezioni, l’ex presidente del parlamento Halimah Yacob è l’ottavo presidente di Singapore, il primo donna.

La donna, dimessasi in agosto dal suo precedente incarico, era l'unica dei tre candidati ad ottenere un “certificato di ammissibilità” per le elezioni del 23 settembre. Gli altri due candidati, gli uomini d'affari Farid Khan e Salleh Marican, non hanno soddisfatto i criteri fondamentali fissati dalle autorità e le consultazioni non hanno avuto luogo.

Con l’obiettivo di rafforzare un senso di inclusione nello Stato, lo scorso novembre il governo aveva decretato che questa tornata elettorale fosse riservata ai candidati provenienti dalla minoranza malese.

Singapore ha una popolazione di 5,75 milioni di persone, compresi 1,6 milioni di non residenti. La società si compone di vari  gruppi etnici, con i cinesi che costituiscono il 76,2% dei cittadini, i malesi il 15,0% e gli indiani il 7,4%.

Alcuni analisti sostengono che tale scelta sia dettata dalla necessità di mantenere ottimi rapporti diplomatici con la Malaysia, della cui penisola Singapore è un’appendice. La separazione tra i due Paesi nel 1965 ha dato agli etnici malesi una chiara maggioranza in Malaysia, mentre il gruppo etnico cinese è il più numeroso a Singapore.

Dopo Yusof Ishak, capo di Stato dall’indipendenza fino alla sua morte nel 1970, Halimah è il secondo presidente di etnia malese. A Singapore, la presidenza ha in gran parte funzione cerimoniale. Tuttavia, la carica comporta alcuni poteri di veto sulla nomina di posizioni chiave nel governo e l'utilizzo delle riserve finanziarie del Paese. 






Vedi anche

15/12/2005 SINGAPORE
A Singapore condizioni di "lavoro forzato" per le domestiche straniere

Vengono da Indonesia, Filippine e Sri Lanka. Sono escluse dai diritti degli altri lavoratori; non possono avere fidanzati; chiuse a chiave in casa.  Per paghe esigue lavorano anche 16 ore al giorno con un giorno di riposo al mese.



15/10/2015 MYANMAR
Myanmar, siglato un (parziale) accordo di pace fra minoranze e governo
Oggi nella capitale si è tenuta la cerimonia ufficiale, alla presenza dei vertici militari e di rappresentanti esteri. Ma è un cessate il fuoco parziale, che comprende solo otto di 15 gruppi etnici. Grande assente la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi. Per i media ufficiali di Stato la pace “inizia adesso”. I Kachin si sfilano.

29/03/2010 VIETNAM
Per padre Ngo Phuc Hau “fare missione è portare a tutti l’amore di Dio”
Il racconto di un sacerdote che ogni anno battezza 200 persone: bambini, giovani e adulti. Quando è arrivato, nella sua zona c’erano appena 501 cattolici, ora solo la sua parrocchia ne ha 2.500. Le difficoltà dell’incontro con le culture locali e le religioni tradizionali.

08/09/2008 VIETNAM
In Vietnam ci sono sei nuovi sacerdoti “Dong Ngoi Loi”, cioè i Verbiti
Al momento dell’ordinazione è stato detto loro che “Siete sacerdoti che non debbono svolgere solo attività pastorale, ma anche lavorare con la gente e cambiare in meglio la società”.

06/08/2008 VIETNAM
L’indifferenza delle autorità di Kon Tum per gli orfani dei gruppi etnici
I gruppi di volontari che si impegnano per migliorare le condizioni sociali dei bambini dei Sơđăng non riescono neppure ad avere i permessi per portare il loro sostegno.


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®