Cerca

18 Ottobre 2017

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | Scrivici | Newsletter | Facebook | Twitter | desktop

10/08/2017 IRAN

Dopo le critiche dei riformisti, Rouhani nomina tre donne vice-presidenti

Una quarta rappresentante femminile ricoprirà l’incarico di assistente in tema di diritti civili. In Iran vi sono 12 vice, che guidano organismi e istituzioni legate alla presidenza. Si attende la ratifica del Parlamento. Un via libera scontato, perché le nomine chiave sono state approvate da Khamenei.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha nominato tre vice-presidenti donna; una quarta esponente del gentil sesso ricoprirà l’incarico di assistente in tema di diritti civili. Una risposta del leader della Repubblica islamica alle critiche sferrate ieri da intellettuali, attivisti ed esponenti dell’ala riformista - fra i quali vi sono anche suoi sostenitori - per aver nominato un esecutivo formato da soli uomini. 

In Iran vi sono 12 vice-presidenti, ai quali è affidata la conduzione di organismi e istituzioni legate alla presidenza.

Dalla rivoluzione islamica del 1979, in Iran una sola donna ha ricoperto la carica di ministro della Repubblica. Nella squadra di governo, che attende ora l’approvazione del Parlamento, si nota anche l’assenza di sunniti, il 10% del totale nel più importante e popoloso Paese musulmano sciita.

Masumeh Ebtekar è stata scelta come vice-presidente con delega alla famiglia e alle questioni delle donne; Laya Joneydi è vice-presidente per gli Affari legali; Shahindokht Mowlaverdi è assistente del presidente per i diritti civili. 

Mowlaverdi ha sottolineato che la squadra di governo di soli uomini mostra che l’Iran sta cercando di “restare a galla”. Sia lei che la collega Ebtekar ricoprivano già la carica di vice-presidente durante il primo mandato del presidente Rouhani. 

I riformisti ritengono che la mancanza di diversità nel nuovo governo sia un segno che Rouhani è oggetto delle pressioni dell’establishment religioso iraniano. I parlamentari non dovrebbero sollevare obiezioni in merito alle nomine, anche perché i ruoli chiave del governo sono indicati dietro approvazione dell’autorità suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei.

Rouhani ha da poco iniziato il secondo mandato in seguito alla vittoria elettorale del maggio scorso, in cui ha sconfitto il rappresentante dell’ala conservatrice Ebrahim Raisi; egli ha assicurato un miglioramento nei diritti civili e nelle libertà personali, oltre che la ricostruzione dei legami con l’Occidente.






Vedi anche

09/08/2017 11:21:00 IRAN
Il presidente iraniano presenta la squadra di governo. Nessun ministro donna

Assegnati 17 dicasteri su 18. Restano confermati i ministri chiave del precedente governo. Fra questi i titolari degli Esteri, Petrolio, Intelligence e Interni. Nuovi ingressi alla Difesa e alla Giustizia. L’ala riformista critica la mancanza di esponenti femminili. Rouhani ha ceduto alla pressioni dell’establishment religioso. 

 



14/08/2013 IRAN
'Rivolta' in Iran, Rohani propone nel suo esecutivo tecnici e filo-occidentali
Oggi si tiene in Parlamento il voto per approvare il Gabinetto del nuovo presidente. Fra i funzionari proposti da lui vi sono una donna e un famoso petroliere vicino all’opposizione dell’Onda verde. I membri del gabinetto hanno tutti studiato all’estero, molti negli Stati Uniti.

14/08/2017 08:55:00 IRAN
Teheran rafforza le spese militari e stanzia fondi per 500 milioni

Il Parlamento iraniano ha votato una crescita degli investimento nel settore della difesa missilistica e delle operazioni all’estero. I deputati hanno accolto il voto (favorevoli 240 su 244) con slogan e canti anti-Usa. Ali Larijani: Risposta alle ““attività terroriste e avventuriere” di Washington nel Medio oriente. 

 



12/08/2009 IRAN
Teheran offre la libertà condizionata alla Reiss
Il regime ammette che sono 4mila le persone arrestate per le proteste. Il comandante dei basji continua a parlare di complotti. 220 parlamentari su 290 promettono fiducia ad Ahmadinejad. Un’esperta prevede la ulteriore radicalizzazione della politica iraniana.

23/04/2014 IRAN
Iran, il presidente Rouhani: Basta discriminazione, uguali diritti e opportunità alle donne
Il capo di Stato ha parlato al National Forum on Women Shaping Economy and Culture. Egli ha criticato "quelli che considerano una minaccia la presenza delle donne nella società. Secondo le leggi islamiche l'uomo non è il sesso forte e la donna non è quello debole".


Cerca
AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153
desk@asianews.it


GLACOM®